Controlled Lives
Project info

Controlled Lives è una serie che indaga sulla trasformazione sociale, che l’intelligenza artificiale con la biometria facciale sta portando nelle nostre vite. Sempre più controllati, tramite le fotografie che noi stessi immettiamo nelle reti sociali e applicativi di incontri. Il riconoscimento facciale, sperimentato sin dagli anni ’60, sta trovando negli ultimi anni una serie di campi di utilizzo. Questo segmento dell’Intelligenza Artificiale, è in grado di individuare la stessa persona all’interno di fotografie, basta infatti scattare una foto ad un passante per avere accesso, dopo pochi istanti, a informazioni che non ha protetto sui suoi social. La tecnologia 3D grazie agli infrarossi, è capace di distinguere le diverse fisionomie anche in movimento o in condizioni di luce non ottimale. Ma oltre al riconoscimento, ora viene fatta un’analisi della reazione facciale, raccogliendo dati che permettono di costruire una serie di algoritmi predittivi, per decifrare le diverse espressioni del viso, questo sostituirà i controlli di frontiera e deciderà chi potrà entrare e uscire dal Paese o essere fermato dalla polizia. Si è già pensato di sfruttare la tecnologia per farne un business: se può riconoscere le persone, con nome e cognome, perché non usare i video immersivi per proporre pubblicità personalizzate? Riguarderà anche la nostra sfera sessuale, si stanno creando dei database che distingueranno se siamo omosessuali o eterosessuali, quali sono i rischi legati alla riservatezza personale o alla discriminazione?
Quale è il margine di errore? Dobbiamo forse creare una maschera, cancellare il nostro volto ? Le immagini sono state scattate e successivamente manipolate, da Tokyo a New York. Questa serie ha l’intenzione di fare riflettere l’osservatore sul cambiamento in atto e l’impatto rivoluzionario che avrà sulle nostre vite.