Cenere
Project info

A l'origine la memoria ,una memoria personale fatta di esperienze lontane e intime , una memoria che si trasforma in mito col tempo.
Cenere è il ritratto di una memoria coltivata tra le mura famigliari .
A la morte di mio nonno qualcosa si è frantumata. Insieme alla mia famiglia sapevamo che tutto quello che amavamo di più sarebbe mutato irreversibilmente. Per l'ultima volta , attorno al suo corpo , i miei fratelli ed io , abbiamo provato a trattenere il mondo a noi raccontato fin dall'infanzia . Un mondo pressoché irreale , arricchito di leggende sarde fatte di serpenti ipnotici a due teste e di antenati.
Cenere è la riappropriazione di alcune leggende sarde a me raccontate.
Immersi in paesaggi solenni o interni confortevoli, ogni personaggio sembra appartenere a dei momenti lontani. La memoria diviene flusso di visioni continue , di sogni dissociati , di luoghi indefiniti , ma che noi interpretiamo come famigliari.
Il carattere solitario , sacro , primitivo e selvaggio della Sardegna penetra nelle immagini e influenza ogni soggetto costituendone un ponte tra la verità e la memoria.
Qui la memoria si amalgama ai personaggi di fattezze oniriche e pittoresche , traducendo in immagini la cultura di una terra che mi è stata raccontata.