Sovrasensibile
Project info

Attraverso l'astrazione, creare un immaginario a se stante, riuscire a stabilire una nuova connessione tra la realtà e l'irrappresentabilità.
L'intento è quello di cercare di osservare il mondo attraverso vibrazioni, decontestualizzarlo, guardarlo in maniera distaccata e riconcepirlo, nel tentativo di esprimere qualcosa, attraverso suoni e vibrazioni, che percepiamo e traduciamo inconsciamente, senza interrogarci veramente su cosa davvero significhino.
Attraverso la musica, alienante e astratta, ho cercato di avventurarmi in mondi fluttuanti e inafferrabili, in spazi non ancora esplorati, geometrie, forme irregolari e glitch digitali.
Fotografia, musica e sound design si fondono in una mostra che non impone un'univoca interpretazione, ma lascia al gusto e alla sensibilità di chi osserva la vera e unica chiave di lettura.